logo
ACCEDI

I disturbi alimentari atipici: quando lo sport e le regole alimentari superano i limiti

Svezia, obbligatorio fare sport durante l’orario di lavoro. Ha già fatto il giro del web l’insolita e futuristica notizia.
Nel paese scandinavo prendersi cura di sé è normale, è una responsabilità sociale, e l’attività fisica deve essere inserita nella quotidianità, proprio come l’attività lavorativa, per creare il giusto equilibrio.

Equilibrio e moderazione, infatti, sono parole d’ordine per il nostro benessere, e qualsiasi eccesso può diventare pericoloso, anche l’attività motoria.

Lo sport, principale alleato della salute insieme alla corretta alimentazione, può talvolta trasformarsi in terreno fertile per problematiche legate all’alimentazione. Infatti alcuni soggetti “a rischio”, attraverso la pratica eccessiva e compulsiva dell’esercizio fisico (che non viene interrotta nemmeno quando le condizioni fisiche non sono ottimali), puntano ad aumentare il consumo energetico o a prevenire l’aumento di peso usando lo sport come “attività compensatoria”.

La cosiddetta “anoressia reverse”, rientra tra i disturbi alimentari atipici. Chi ne è affetto si pone come obiettivo, non solo la perdita di peso corporeo, o meglio di grasso corporeo, ma soprattutto l’aumento e la “definizione” della massa muscolare e il miglioramento della forma fisica. Spesso questo disturbo è accompagnato da un atteggiamento descritto come “ortoressia”, ovvero un’attenzione spropositata alle regole alimentari, alla scelta degli alimenti da consumare e alle loro caratteristiche nutritive (che non è stato però ancora riconosciuto come disturbo alimentare).

La parola chiave è quindi “equilibrio”, per non trasformare le armi di cui disponiamo per difendere la nostra salute in armi puntate contro noi stessi.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Contact Info
Via John Fitzgerald Kennedy, 54 80125 Napoli (NA)
  • Via John Fitzgerald Kennedy, 54 80125 Napoli (NA)
  • 081 239 0158
  • info@medeaterranea.eu